La carte postale - Page 2

“Chi scrive? A chi? E per inviare, destinare, spedire cosa? A quale indirizzo? Senz’alcun desiderio di sorprendere, e quindi di catturare l’attenzione a forza di oscurità, devo, per l’onestà che mi rimane, dire che, alla fine, non lo so.”

J. Derrida, La carte postale

Siralos

Dunque Siralos esiste. Questa rivelazione è ora definitiva, limpida come poche, o nessuna, mai. È proprio lì dove uno se l’aspetta, ci vogliono ore di curve, tornanti, saliscendi, seconda, terza, seconda, ma…
30/08/2022

Notizie da Folgaria

Ieri stiamo stati a cena a Folgaria e, mentre tornavamo a casa in auto, abbiamo visto una figura strana ai lati, lungo il ciglio della strada. Camminava lentamente, come dondolando, quasi stesse cercando qualcosa o titubasse. “Guardate là in fondo,…

Villa

08/08/2022
Cara Villa i Tigli, non ci sei più da qualche anno. Sono riuscito a svenderti a una signora attratta da Pavana e dalla montagna pistoiese, severa e ferale. Ti ho venduto perché costavi troppo, per…

Belle-Île-en-mer

07/08/2022
Stare su un’isola è l’imperativo delle mie estati. Soprattutto, mi ripeto ogni anno, senza zavorre pensierose: lasciale percolare nel minerale urbano dove vivi. Tuttavia, preso dall’entusiasmo della traversata in nave, mi passa di mente e,…

Stazione zoologica

05/08/2022
Cara, ti ho pensato mentre guardavo la seconda stagione di "Stranger Things". Ricordi l’incontro tra Dustin e il minuscolo essere nascosto nel bidone della spazzatura? Si trasformerà in un nuovo “Demogorgone”, ma per ora sembra…

Danza macabra

02/08/2022
La morte sale a noi come l’astro al solstizio. Giunge quando siamo innamorati della nostra vita o di quella di chi abbiamo accanto. Si fondono le ere, la terra al cielo, e tutto scompare o…

Partenze intelligenti

31/08/2021
Il giorno avvampa senza luce, nel muro di suono delle cicale, negli eucalipti che crescono sempre più isolati, sempre più come macchie gigantesche. Sono le prefigurazioni del dopo-schianto. Sono i cespugli in fiamme che faranno…

Linosa

30/08/2021
I nervi, la mente, ciò che brucia, / al centro di ciò che sei / che hai tra le mani / quando stringi te stessa / a te stesso, il torace / fra le braccia.…

Dolomiti

27/08/2021
Dopo l’oggetto, l’umano non esiste. Il primo resta, e il secondo si dissolve: / se non fosse questo, a svanire, l’opera ne manterrebbe il ricordo. / L’oggetto non è complice né accorda simpatie, è al…

Istanbul

24/08/2021
La coda si muove lentamente, si ferma, sussulta, avanza ancora. È passata quasi un’ora. L’autostrada ha tre o forse quattro corsie, c’è tempo per osservare dai finestrini del taxi la filza compatta di costruzioni sui…

Sorano

23/08/2021
La mano sul vetro / attimo che si estingue / nella scena muta. Alla finestra / il respiro, spalle / all’acqua della cucina, / pensiero che piove / tra il rubinetto / e il lavandino.…

Mosca, agosto

Il 19 agosto 1991 era un lunedì. Ci eravamo trasferiti a Mosca a metà luglio. Abitavamo negli edifici per stranieri all’inizio del Kutuzovskij Prospekt, intitolato al generale che sconfisse Napoleone nella “guerra patriottica” del 1812.…
1 2 3 4 6
English
Go toTop