Sebald

Sebaldivision. Ian Curtis e la stella di Max

Anche Sebald, che nel 1980 non aveva ancora pubblicato una riga di letteratura, aveva una nomea punk. All’epoca lo reputavano un “angry young man” della germanistica, perché era finito a parlare di autori della cultura ebraico-tedesca guglielmina come precursori del

continua

Nel medesimo vetro

Come è tipico nello scrittore tedesco, tratti autobiografici, finzione e ricerche d’archivio si amalgamano in una scrittura venata di lirismo malinconico.

...