Alcune parole di Flavio Favelli

Le parole hanno o non hanno potere d’illusione.
Hanno valore in se stesse

Antonin Artaud

Gli artisti visivi, soprattutto di recente generazione, hanno sempre maggiore familiarità con la scrittura, vuoi per l’incidenza continua di bandi di qualsiasi tipo ai quali concorrere vuoi perché l’abilità nell’argomentare testualmente la propria ricerca sembra ormai indispensabile alla tenuta della ricerca stessa. Molto più raro è che questa scrittura si trasformi in una lingua letteraria con uno stile personale, una maturità della composizione e una specificità del lessico che rendano la scrittura riconoscibile come parte dello stesso orizzonte estetico in cui si muove l’artista. È questo il caso di Flavio Favelli, un artista che potrebbe essere anche uno scrittore. Oppure un artista che nella sua complessità include la parola scritta e la narrazione verbale come forma propria e non ausiliaria, una forma parallela alle opere e strettamente legata a esse ma anche autonoma, godibile senza il bisogno di trovarla descrittiva né funzionale.

In questo breve glossario rizomatico Favelli sceglie alcune parole associate alle opere realizzate per la mostra ma l’oro, il mobile, il cartone e l’insegna luminosa sono solo il punto di spicco per una riflessione che corre parallela alla parte visibile del lavoro. La scrittura rivela l’artista al centro dell’architettura di riferimenti e nostalgie, di condizionamenti, ossessioni e predilezioni che percorrono tutta la sua opera. Leggere quello che Flavio scrive a proposito della lucentezza dei materiali o della bellezza «composta e gentile» dei cartoni non porta a una spiegazione delle sue scelte poetiche; apre semmai un ulteriore spazio di riflessione, più accessibile nel suo essere discorsivo ma non didascalico. Le parole di Favelli sono come gli oggetti, le carte e le parti di mobili assemblate nelle sue opere: ognuna può essere connessa al lettore (o all’osservatore) e può illuminarlo improvvisamente in quella condizione d’eccezione che è l’esperienza dell’arte, quando la realtà che si ritiene solida e impassibile viene deragliata da un’accelerazione dei sensi, dell’immaginazione e dell’intelletto. Ma sappiamo già che la comprensione derivata da questo incontro non somiglia a un prontuario di istruzioni.

Ecco perché a leggere i lemmi che seguono invano ci si potrebbe aspettare una mappa del labirinto, una legenda per decodificarlo e uscirne intatti. Non è all’artista che bisogna chiedere il capo del filo di Arianna. Antonin Artaud lo scriveva a proposito del teatro, dichiarando che l’importante, in definitiva, è questo: «la formazione di una realtà, l’irruzione inedita di un mondo»; il teatro, e ogni espressione artistica non finzionale, non propagandistica, non tesa all’intrattenimento, «deve darci questo mondo effimero ma vero, questo mondo tangente al reale»[1].

In questo mondo, che non imita il vero e non intende giustificarlo, la mappa possiamo comporla solo noi che leggiamo, noi che guardiamo.

Leggi anche: Flavio Favelli, Glossario

In copertina: Flavio Favelli, Grande Guardaroba, 2020 (dettaglio) ph. Serge Domingie©


[1] Antonin Artaud, Il teatro Alfred Jarry, 1926.

(1975) è critico d’arte e curatore indipendente. Dopo la laurea in architettura ha approfondito il rapporto tra l’estetica del potere e le contronarrazioni agite dall’arte, prediligendo il contesto urbano e sociale come scena dei linguaggi contemporanei, con una particolare attenzione per i sistemi teorici della Performance Art. Nei suoi libri e nelle sue mostre è centrale la sperimentazione di formati ibridi tra arte e scienze sociali per coltivare la percezione politica dello spazio pubblico e della comunità. Su questo tema ha pubblicato, oltre a numerosi saggi, “Memento. L’ossessione del Visibile” (Postmedia Books 2016). Insegna in istituzioni italiane e statunitensi ed è attivo in progetti e reti internazionali che sperimentano pratiche di arte e educazione non formale per l’inclusione sociale e contro la discriminazione. Sulla pedagogia radicale ha pubblicato “La sintassi della libertà. Arte, pedagogia, anarchia” (Gli Ori 2020).