Tokyo

Cari amici,

vi mandiamo una cartolina da dove non siamo. Quest’anno non saremo là, e l’anno prossimo, e quello dopo ancora, chi lo sa. Siamo però pieni di gratitudine per il fatto di esserci stati negli anni passati.

Essere (in un luogo) è importante, ma più importante è essere (esistere).

Nei nostri pensieri, da qui, noi siamo là, e nel momento in cui voi leggete le nostre righe, saremo ovunque voi siate, uniti dalle parole.

Cos’altro chiedere? Come si dice in Spagna, non ci possiamo lamentare, perché, dopo tutto, siamo qui.

Ph. Albarrán Cabrera

Albarrán Cabrera, ossia i fotografi Angel Albarrán (Barcelona, 1969) e Anna Cabrera (Sevilla, 1969), lavorano insieme dal 1996. La loro pratica estetica si nutre di una ricca filosofia che indaga temi quali la memoria e l’esperienza, ed è animata da una curiosità “alchemica” per il processo di stampa fotografica. Il loro lavoro, che riflette le molteplici influenze di pensatori e artisti occidentali e orientali, esplora e mette in questione la nostra nozione di tempo, spazio e identità, con l’obiettivo di stimolare un approccio inedito all’esperienza e alla percezione. Le loro opere sono state esposte in gallerie e fiere di fotografia in Spagna, Giappone, Svizzera, Stati Uniti, Belgio, Olanda, Francia, Germania, Libano e Italia.