Epidemia

Questo poemetto, Epidemia, anticipa implicitamente ed esplicitamente ciò che sta accadendo oggi. Scritto quasi vent’anni fa, dopo l’orrore della repressione di Genova e sull’onda del ricordo della strage di animali avvenuta pochi mesi prima in occasione dell’epidemia della “mucca pazza”, è ora, purtroppo, credo, di straordinaria attualità. Pubblicato all’interno di Pericolo, da Piero Manni nel 2004, e de I costruttori di vulcani, Sossella editore, nel 2010, è stato poi pubblicato in e-book da Kipple Officina Libraria per iniziativa e con la cura di Alex Tonelli. La prima parte è formata da brani di articoli di giornale in cui alla parola «capi» è sostituita la parola «schiavi». In questo tragico momento della storia umana questo testo mi è rivenuto in mente e ne ripropongo la lettura.

(C.B)

Immagine di copertina: Francisco Goya, Animali in cielo, dalla serie dei Capricci.

(1938) è nato a Roma, dove vive. È stato militante in un gruppo trotskista. Ha insegnato Storia moderna all’Università di Roma «La Sapienza». Ha pubblicato numerosi volumi di poesia che sono stati riuniti nel volume “I costruttori di vulcani. Tutte le poesie 1975-2010”, Luca Sossella editore 2010. Successivamente: “Epidemia”, (e-book) Kipple 2015, “Assenza”, Carteggi letterari 2016, e “Strategia”, Aragno 2020. Come narratore la maggior parte dei suoi scritti sono stati riuniti nel volume “Difesa berlinese”, Luca Sossella editore 2018. Inoltre: “Pezzi di ricambio”, Empirìa 2003-2019. Nel 2017 gli è stato conferito il Premio Nazionale Pagliarani alla carriera per la poesia. È tradotto in varie lingue.